domenica 30 ottobre 2011

E Peposo sia.....

 Ultimi mesi dell'anno 2004, la seconda lezione di cucina alla scuola di Valeria Vocaturo "Cuoche per caso".  E guarda un po', lezione di cucina toscana.
E come docente una toscana D.O.C., Clara Gotti. Una lezione coinvolgente, veramente entusiasmante. Sono passati tanti anni e ancora la ricordo bene. Per me era una grande emozione poter apprendere nozioni di cucina toscana. Io ero innammorata già da moltissimi anni di questa terra, ma era la prima volta che mi avvicinavo alla sua cucina. Emozionata è dire poco.

Riguardando gli appunti presi in quella lezione ho visto anche altri piatti che voglio replicare a breve....
Ho voluto iniziare con il Peposo, sarà che amo gli stracotti. ma su queste preparazioni mi butto volentieri!


IL “PEPOSO” di Clara Gotti
Vitellone in spezzatino gr. 800
Per la marinata: aglio 1 spicchio, cipolla 1, rosmarino 1 rametto, alloro 2 foglie, vino rosso 2 bicchieri, pepe macinato
1 cipolla
1 spicchio d’aglio
pepe in grani
sale
fecola di patate un cucchiaino

Si mette in infusione la carne con: vino, carota, cipolla, rosmarino, pepe macinato, dalla mattina per la sera o una notte per il giorno dopo.
In un tegame olio, 1 spicchio di aglio, 1 cipolla tritata, la carne tolta dalla marinata, si aggiunge una manciata di pepe in grani. La carne deve perdere i liquidi a fuoco vivo.
Si aggiungono le foglie d’alloro. Quando la carne è rosolata si porta avanti la cottura con il liquido della marinata (tolte le verdure e filtrato). Deve cuocere a tegame coperto e a fuoco basso. Si regola di sale. Alla fine si aggiunge un cucchiaino di fecola di patate per addensare il sugo.
Si accompagna bene con un purè di patate.

Peposo
Purè lilla



Insieme


Questa volta ho aggiunto anche del rosmarino in cottura, togliendolo alla fine.

Il purè l'ho voluto preparare con le patate viola, sono troppo belle (e anche buone)!

10 commenti:

  1. Ciao! Eccoti qua una nuova sostenitrice, fresca fresca! Complimenti per il tuo splendido blog! E per queste ricettine interessanti!!!!! Un bacione e buon lunedì!

    RispondiElimina
  2. Kiara, ma benvenuta!!!! Grazie per i complimenti e buona settimana a te!

    RispondiElimina
  3. Ecco qui una ricetta di carne da provare, è il mio tallone d'achille quindi ben vengano consigli e suggerimenti su come si cucina! Lieta di averti trovata ti seguo con piacere ;)
    Buona giornata
    Sonia

    RispondiElimina
  4. Ma questa ricetta e' super!!!! veramente interessante...e se la custodisci e la fai dal 2004 vuol dire che e' proprio una garanzia!!!! ciaooo

    RispondiElimina
  5. Grazie Sonia, è veramente una buona ricetta e ora che comincia la stagione adatta, con un buon purè o una polenta.....

    RispondiElimina
  6. Nicoletta, grazie, in effetti è una ricetta che amo molto, poi è semplicissima e di riuscita sicura!

    RispondiElimina
  7. Che carino il pure' lilla e ottima la ricetta della carne! A presto, Babi

    RispondiElimina
  8. Il preposto e' una signora ricetta che racconta a voce alta la storia di un territorio. Io uso in genere del buon Chianti delle colline senesi per la marinata. Adoro le cotture lunghe, senza fretta. Mi hai fatto venire voglia di rifarlo prestissimo. Un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  9. Grazie Patty, anche io adoro le cotture lente! Di solito per questi stracotti uso anche io del vino di questa fantastica terra che mi ha accolto, il Chianti! Vino del teritorio per un piatto del territorio, è il massimo!

    RispondiElimina