lunedì 29 agosto 2011

La Caponata di Valeria e giorni un po' così!

Giorni strani, quasi una settimana con poca voglia di cucinare, tutta concentrata sui miei progressi nel nuoto e nella ripresa confidenza con la lingua inglese. Nuoto tutti i giorni all'ora di pranzo e inglese tre volte durante la settimana.
Ho cucinato esclusivamente per la sopravvivenza mia, di Franco e di suo figlio Simone e della fidanzata, che sono stati nostri ospiti la settimana scorsa.
Poi questi ultimi tre giorni sono stati terribili per noi, Apache era scappato e, nonostante avessimo capito, vedendolo, che era non lontano dal nostro giardino, avevamo addosso un'angoscia tremenda. Stamattina è rientrato come se non fosse successo niente e si è fatto coccolare da noi e da Tommy, secondo me anche lui sentiva la sua mancanza.
Sicuramente qualcuno penserà che io sia esagerata ma, per una persona che ha perso tutti gli affetti familiari che poteva perdere, anche il sentimento verso un animale è molto molto importante.
Ho cucinato di nuovo. Non che non avessi acceso i fornelli, le sere nelle quali per non pensare cucinavo ho preparato due gelati, uno al caramello e uno al cioccolato al caramello.... peccato che oggi abbia dimenticato di dare ad Anna, che con Lino e la bellissima Naomi ci sono passati a salutare mentre tornavano da Roma a casa, il barattolo di caramello che ieri sera avevo preparato per lei. Vabbè, glielo spedirò!
Per le foto dei gelati, tra qualche giorno arriva Andrea, il Fotografo, ci penserà lui.
Ho detto che ho cucinato, in astinenza da peperoni, melanzane e affini, ho voluto provare l'ultima versione della Caponata di Valeria Vocaturo, io avevo provato la penultima ed era ottima. Questa è superba!
Ancora grazie alla mia Maestra!


CAPONATA DI MELANZANE di Valeria Vocaturo





















Tagliare a dadini 2 melanzane, lasciarle sotto sale a scolare per almeno 1 ora, strizzarle e friggerle in abbondante olio.
In una padella soffriggere 2 peperoni e 1 costa di sedano tagliati a listarelle con olio, 1 spicchio di aglio e sale. Cuocere per 5 minuti e poi aggiungere 5 pomodori spellati, privati dei semi e tagliati a pezzi, 50 gr di uva passa (rinvenuta in acqua) e 50 di pinoli, 1 cucchiaino di concentrato di pomodoro e le melanzane fritte e cuocere lentamente per circa 10 minuti. Alla fine aggiungere 1 bicchiere di aceto e 1 cucchiaio di zucchero, regolare sale e pepe.


2 commenti:

  1. Lo sapevo io che c'era un blog da qualche parte!!! brava Nora, mi piace tutto quello che fai!!

    RispondiElimina
  2. Giulia, grazie dei complimenti!

    RispondiElimina