sabato 30 giugno 2012

Un cheesecake perchè.

Non c'è un perchè, perchè così mi andava, perchè lo desideravo da tanto tempo, avevo voglia di un dolce, di un cheesecake.
Dopo giorni di tiramisù per le mie lezioni e dolci per casa, plumcake e muffin, mi ero concessa prima della trasferta a Roma un clafoutis con pesche e albicocche.
Ieri pomeriggio, nel caldo più caldo che avevo provato negli ultimi tempi mi sono chiusa in cucina e forno acceso per 60, 70 minuti ho prodotto questo delizioso dolce.
Ho approfittato della presenza qui di Lucia e Andrea, che immaginavo avrebbero apprezzato.
L'abbiamo mangiato ancora non freddo di frigorifero, dopo bistecche e amburger cotti al barbecue e una bella insalata mista preparata da Lucia.
Oggi sarà ancora più buono.

La ricetta viene dal delizioso blog di Alex  http://fotoefornelli.com/  e andatevela a guardare così come l'ha fatta lei che vale veramente la pena!




primissimo piano




http://fotoefornelli.com/2009/06/cheesecake-di-caprino-e-fichi/


Le mie variazioni alla ricetta, formaggio cremoso invece del caprino, niente sciroppo di Grenadine e fettine sottili di pesche nettarine spadellate con limone e zucchero di canna a fare compagnia ai fichi.

venerdì 22 giugno 2012

Ritorno alla normalità..... e alle paste in 10 minuti!

Eccomi!!!! Dopo una settimana un po' impegnativa, un po' stressante ma per certi versi molto ma molto interessante, ritorno in cucina.
Si, in questi giorni non ho frequentato molto la mia cucina ma comunque mi ci sono dedicata lo stesso, tra corsi e corsi.
Poi sono stata a Roma, ma quello è un altro discorso.....

Fa caldo, parecchio. E cambiano sicuramente le cosa che ci fa voglia di mangiare.
In questo caso mi vengono in aiuto le preziose ricette di Valeria Vocaturo, la mia cara Maestra di cucina, e le sue mitiche "paste in 10 minuti"!

Questa ricetta viene dalla mia raccolta delle ricette di Valeria, veramente in 10 minuti, il tempo di cottura della pasta!

Buona, veloce e fresca, che si può volere di più!



SPAGHETTI AL LIMONE di Valeria Vocaturo

per 6 persone

Spaghetti gr 500
20 olive nere
1 cipollotto fresco
3 limoni
4 cucchiai di pecorino toscano (media stagionatura)
Peperoncino
Circa 6 cucchiai di olio
Sale – un ciuffo di menta – pepe nero macinato fresco
In una ciotola le olive snocciolate e tagliate a pezzetti, la buccia dei 3 limoni, il succo di 2 limoni, la polpa pelata a vivo di 1 limone, il cipollotto tritato, la menta tritata, olio, pecorino a scaglie. Mescolare. Quando la pasta è cotta si condisce con il pesto, diluito con un po’ di acqua di cottura.

Variazione della giornata, cipollotto fresco di Tropea, troppo buono!!!







venerdì 15 giugno 2012

Spezzatino si ma di pesce!

Mmmhhh..... periodo strano..... ancora,  si ma speriamo che stia finendo anzi sono sicura che a questo punto la fine è vicina!

Continua il mio amato corso di cucina con lezioni sempre molto appassionanti.
Avevo promesso di non pubblicare subito un'altra ricetta con il pesce... ma.....
Eccomi ancora con la ricetta di un piatto di pesce che ci hanno insegnato alla prima lezione sul pesce. L'ho voluto riproporre ed è semplice, rapido, appetitoso e che si può volere di più?????
Pochi ingredienti, ricetta brevissima e tutta rigorosamente senza dosi!


SPEZZATINO DI PERSICO CON FUNGHI CHAMPIGNON

Filetto di pesce persico
Funghi champignon
Timo
Rosmarino
Aglio
Prezzemolo
Sale
Pepe
farina
Vino bianco

Si cubetta il filetto di pesce persico e si infarina.
Si puliscono gli champignon, i miei erano funghi di una certa consistenza e grandezza, li ho voluti lasciare interi o tagliati in metà. Si mettono a cuocere in una padella con olio, aglio, rosmarino, timo e prezzemolo. Si Fanno rosolare poi si sfumano con vino bianco e si aggiungono i cubetti di pesce infarinati.
Si continua la cottura dosando di sale e pepe.
Io non avendo in casa vino bianco ho sfumato con il Marsala e secondo me ha dato una marcia in più al piatto!

Beh, che state aspettando?  Dai, è veramente troppo troppo facile e buona!






martedì 5 giugno 2012

Cucinando studiando! No, forse studiando cucinando!

Vi ho già raccontato che sto frequentando un corso di cucina stra-bello, stra-interessante, che mi ha preso completamente. Quelle ore in cucina passano in un attimo e devo dire che anche le ore di teoria  scorrono molto fluide e arriviamo a mezzanotte senza accorgersene! E' veramente troppo appassionante questa materia, così piena di sfaccettature, che più ascolti e più ne vorresti sapere!
Chef Andrea ci ha raccomandato di fare pratica a casa, provare almeno una ricetta tra quelle preparate in cucina durante la lezione. Dicendo così, mi ha invitato a nozze, io sono sempre ansiosa e piena di voglia di provare e dopo la lezione sul pesce, che peraltro è stata tenuta dal suo collega, lo Chef Luca Falsetti, ho voluto provare subito due ricette. Una è questa e l'altra la pubblicherò in seguito (altrimenti esagero)!

Anche questa ricetta l'ho fatta e rifatta. L'ho voluta proporre a Lucia ed Andrea che ci erano venuti a trovare lo scorso fine settimana. Risultato ottimo, la carne del salmone è rimasta morbida e succosa e la crosta bella croccante.

La ricetta... raccapezzando gli appunti della prima lezione in cucina sono riuscita a preparare...


SALMONE IN CROSTA DI PARMIGIANO

Un trancio di salmone
la crosta che deve essere 1/4 del peso del salmone è composta per l'80% da Parmigiano, uova, farina 00, zafferano, rosmarino in pezzi piccolissimi.
Le dosi non ci sono, la quantità dipende dal peso del salmone e il numero delle uova dipende dalla densità dell'impasto che verrà poi spalmato sul salmone.
Poi si mette in una teglia in forno a 180° fino a doratura, poi si porta a 200° per gli ultimi minuti di cottura.

Ottimo e veloce, provatelo!!!!!!




domenica 3 giugno 2012

La Parmigiana dei ricordi

Ricordi, sono sempre in vena di ricordi, qualche volta non tanto piacevoli, più spesso deliziosi. Come queste melanzane alla Parmigiana, uno dei tanti piatti che ho imparato dalla mia Maestra Valeria Vocaturo, alla sua scuola "Cuoche per caso"!
Io amo, anzi adoro le melanzane, in qualsiasi modo vengano cucinate e non vedo l'ora di vederle sui banchi dei mercati anche perché  non è mia abitudine acquistare frutta e verdura fuori stagione. E adesso è arrivato il loro momento!
Ho iniziato con questa ricetta, la amo particolarmente, per la sua semplicità e per la nota affettiva che mi lega a lei.
Ancora non ho i miei pomodori dell'orto ma già il basilico mi regala le prime soddisfazioni, insieme alle altre erbe aromatiche.

Non vedo l'ora di poter andare a Roma con un momento di calma in più e poter tornare da Valeria, ho una nostalgia...... In fin dei conti Marinora in cucina è nata con lei, le devo moltissimo!



LA PARMIGIANA AL POMODORO COME SI FACEVA UNA VOLTA di Valeria Vocaturo





Per 6 persone
1,500 kg melanzane nere lavate, tagliate a fette non troppo sottili, messe sotto sale grosso per 2 ore, poi sciacquate e asciugate su carta da cucina o carta paglia
Olio d’oliva per friggere
Passata di pomodoro densa 1 bottiglia (se meno densa 2 bottiglie)
1 fiordilatte (del giorno prima)
2 uova
1 spicchio d’aglio – tanto basilico
Sale – sale grosso

In una pentola, senza olio, la passata di pomodoro (se densa aggiungere mezza bottiglia di acqua), lo spicchio d’aglio, un po’ di basilico. Si fa cuocere coperto. Si friggono le melanzane in abbondante olio. Si grattugia il formaggio. Si taglia il fiordilatte a fettine sottili. Si sbattono le uova e si uniscono a 10 cucchiai di sugo. Girare bene subito per non far cuocere l’uovo. Si compone la parmigiana, in una pirofila da tavola uno strato di pomodoro semplice, melanzane, mozzarelle, sugo più uovo, basilico, parmigiano, (3 strati di melanzane), finire con il sugo semplice e il parmigiano. In forno a 150° per 1 ora, meglio cuocerle il giorno prima.