sabato 7 luglio 2012

Un'insalata e basta ma anche no e foto di gruppo di cucina.

Caldo, parecchio ma forse in questo momento lo subisco ancora di più. Mi sento stanca, scarica, sono arrivata al capolinea o quasi nella "storia infinita" riguardo la mia situazione lavorativa.
E sono stanca. Tante volte mi rendo conto di avere voglia di fare poco o niente e mi accorgo che faccio passare le mie giornate così, e questo non va bene, assolutamente.
Ho terminato (per ora) il mio corso di cucina e lo riprenderò in settembre, e da allora si procederà a grandi passi verso l'esame finale.

In cucina sono presente, magari con cose veloci, fresche e appetitose, primi piatti rapidi, insalate fresche e tanta frutta, ah, anche carne e pesce ma molto meno.

Questa è un'insalata, diciamo. Per la sua completezza di elementi la considero quasi un piatto unico magari abbinato a del formaggio fresco, magari ricotta o robiola, ma anche della feta anche se abbiamo i pomodori secchi già saporiti per conto loro.
La ricetta è di Valeria Vocaturo e fa parte dei miei appunti delle lezioni  dell'anno "scolastico" 2005-2006..... beh, è troppo buona, attuale, stuzzicante, da fare in pochissimo tempo e da mangiare con tanta voglia!



INSALATA DI FAGIOLINI CON LE MANDORLE di Valeria Vocaturo

1 kg fagiolini
10 pomodori secchi sottolio
2 cucchiai di mandorle tritate
Olio – sale (per lessare i fagiolini) – pepe – basilico

Lessare i fagiolini in abbondante acqua bollente salata. Quando sono cotti, 5 min. circa, si passano nell’acqua gelata per mantenere il verde.
Si tagliano i pomodori secchi sottolio a striscioline. Si tritano le mandorle a granella. In una ciotola si mettono i fagiolini, i pomodori secchi sottolio a striscioline, le mandorle tritate, olio, pepe e basilico








Approfitto di questo post per pubblicare la foto fatta nel dopocena di "metà corso di cucina", siamo davvero un bel gruppo, con tanta voglia di fare bene!




12 commenti:

  1. Mentre sbircio sul tuo blog ho i fagiolini a lessare perchè in questa casa siamo sempre a dieta ora anche il piccolo saranno gli ormoni o qualche ragazzina
    Preparati così hanno tutto un'altro sapore !
    Ci provo ... un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Silvia carissima, direi proprio che così i fagiolini perdono parecchio del loro aspetto così "light"..... ma sono tanto buoni!!!!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Ciao Marinora,
    tutto ok?
    Tu sei quella seduta davanti, giusto :-) siete molto affiatati, si vede!

    Sara

    RispondiElimina
  4. Ciao Sara! Tutto procede, lentamente ma procede. Si sono quella seduta davanti, ora ho i capelli piu' corti (caldoooo)!!!
    Un abbraccio"

    RispondiElimina
  5. Ciao Marinora!
    Ho sbirciato un pò nel tuo blog e ho trovato un sacco di nuove idee...specie nella sezione dolci! Mi aggiungo ai tuoi sostenitori e ritorno volentieri a prendere appunti..
    A presto:)

    RispondiElimina
  6. Frazie Mimi per essere passata! Ti ringrazio per il tuo commento e spero di poter dare sempre un po' di novità con le mie ricette!

    RispondiElimina
  7. Come invidio il tuo corso di cucina... con un'invidia positiva, naturalmente!
    Quanto mi piacerebbe riuscire a farne uno anche io!!!
    Ma per il momento devo tirare la cinghia cercando di vendere qualche foto di fiori e qualche barattolino di marmellata, per dare la pappa alla mia famiglia pelosa... siamo ad 11 adesso!!!
    Comunque, come ti ho detto nel mio post.... vieni a Romaaaaaaaaaaaa!!! Che voglia di vederti!!!
    nasinasi speranzosi

    RispondiElimina
  8. Micia, sei nel mio cuore, davvero!

    RispondiElimina
  9. ciao, Marinora. Bella la tua insalata: un modo creativo di servire i fagiolini, verdura che personalmente adoro. Scusa la domanda indiscreta, ma dove stai frequentando il corso di cucina? Se non ricordo male, la Vocaturo e' una architetto di origini calabresi con la passione per la cucina e mi sembra risieda a Roma. Abiti da quelle parti?

    RispondiElimina
  10. Ciao e grazie per il tuo commento! Ho ftequrntato per cinque anni i corsi di cucina da Valeria Vocaturo, una persona davvero molto bella e una grande Maestra di Cucina alla quale sono molto legata. Quando vivevo a Roma, fino a ottobre 2009 abitavo in Prati, non distante dalla scuola di Valeria, ora vivo in Toscana, Valdarno e sto frequentando il corso di cucina professionale avanzato a Montevarchi con la Cescot, l'agenzia formativa della Confesercenti.
    Un caro saluto!

    RispondiElimina
  11. Caspita, Marinora, che esperienze e che formazione professionale! Corro a metterti nel mio blogroll: avro' sicuramente tanto da imparare da te.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Ma dai, grazie!!!!!! Imparare da me... io ho ancora tanto ma tanto da apprendere in questo magico e affascinante mondo della cucina!!!

    RispondiElimina