sabato 11 febbraio 2012

Finalmente il baccalà!!!!!

Effettivamente sto notando che cucino poco pesce. E' una questione di pigrizia, certe volte non mi va di arrivare a Montevarchi all'Ipercoop o al mercato per comprarlo, oppure dovrei comprare quello surgelato che è meglio di niente.
Giorni fa alla Coop di Bucine, la ragazza al banco della gastronomia, mentre acquistavo dei formaggi mi ha detto che il giorno dopo avrei potuto trovare il baccalà ammollato. Io ho fatto un salto per la sorpresa dato che, fino ad ora avevo solo incrociato filetti di baccalà secco da ammollare e sinceramente non mi è mai andato di mettermi ad ammollare filetti di baccalà!
Così ieri mattina, con il piccolo supermercato pieno, e la fila al banco della gastronomia sono arrivata e ho chiesto a voce un tantino alta:  "che c'è il baccalà?" e tutte le signore in fila si sono girate, mi hanno guardato con aria tra lo strano e il divertito e mi hanno confermato insieme alla commessa la presenza del mio ambito pesce!
Dopo una fila  di una decina di minuti e un'altra di altri dieci alla cassa, sono uscita nel vento e nel freddo con la mia borsa contenente la mia preda e già avevo in mente come avrei potuto preparala!


BACCALÀ ALLA ROMANA di Valeria Vocaturo

Baccalà ammollato gr. 400
1 spicchio d’aglio e 1 cipolla
500 gr. Pomodori pelati o freschi
60-70 gr di farina
50 gr. Uvetta
50 gr. Pinoli
1 bicchiere di olio extravergine
sale, pepe e prezzemolo tritato
 ½ bicchiere di brandy o di vino bianco
Pulire il baccalà, tagliarlo a pezzi, infarinarlo e friggerlo in olio bollente. Fare appassire in poco olio l’aglio schiacciato e la cipolla tritata, aggiungervi i pomodori e condire con sale, pinoli e uvetta fatta rinvenire nel brandy o nel vino bianco. Far cuocere per 10 minuti, aggiungere il baccalà e far insaporire lasciando la salsa morbida. Disporre il baccalà nel piatto, coprite con la salsa, pepare e guarnire con il prezzemolo tritato.





Ci sono tante altre versioni del baccalà alla romana, io anni fa ne ho fatta una sempre con pinoli e uvetta ma con l'aggiunta di mele rosse e prugne secche, questa è quella che ho nella mia collezione di ricette di Valeria e ci tenevo a farla!

4 commenti:

  1. Pochi fans per il baccala', tutti lo snobbano.
    Di estimatori ce n'e' ben pochi.
    Mandi

    RispondiElimina
  2. Rosetta, buono buono buono! Ora che l'ho ritrovato non me lo faccio scappare più!!!

    RispondiElimina
  3. Anch'io cucino poco il pesce, forse perché non mi piace molto. Il baccalà ad esempio l'avrò cucinato si e no 5 volte in vita mia!!, questa ricetta pero mi incuriosisce, me la segno! Grazie, Simo!

    RispondiElimina