martedì 2 ottobre 2012

La vendetta del coniglio...

Perdonatemi se vi stresso con l'esame di cucina, ma io sono un'ansiosa e allora...
Ci sono cose che ritengo di saper fare meglio ed altre meno bene o quasi per niente. Non perché non mi piaccia farle ma solo perché ho iniziato solo ora a provarci. 
In questo caso parlo del disosso. Difficile? No ma neanche troppo facile per me, e poi finora avevo sempre comprato se ne avevo la necessità pollo, tacchino, faraona, ecc. già disossati, pronti per essere cucinati. Ma da ora non più. Ora sto imparando e da brava alunna faccio i compiti a casa.
Questa volta ho disossato un coniglio, cosa non facile direi, per farlo arrotolato ripieno.
La sua vendetta? Un bel taglio su di un dito proprio alla fine dell'opera, mentre rifinivo il lavoro!
La ricetta ci è stata data dallo Chef docente del mio corso Andrea Bennati e fa parte della lezione sulle carni da cortile.
Io per il ripieno ho usato la  bieta perché l'avevo in cucina, quello che mi interessava maggiormente era riuscire a non distruggere il coniglio con troppi buchi. La mia legatura deve migliorare ma ha retto!
Il risultato. Buonissimo, la carne morbida e molto saporito!



CONIGLIO ALLA DRAGONA

Disossare un coniglio di medie dimensioni, facendo attenzione a non bucare la pelle esterna. Appiattirlo con un batticarne, salare e pepare la parte interna e disporvi sopra una frittatina leggera al formaggio.
Distribuire in maniera uniforme sopra la frittata una mirepoix di zucchine saltate in olio, aglio in camicia, abbondante dragoncello, sale e pepe, avendo cura che le zucchine rimangano croccanti.
Arrotolare per la lunghezza il coniglio, legarlo efficacemente con dello spago, salarlo e peparlo sulla parte esterna.
Cuocerlo in forno a 180° per circa 45 minuti (per la cottura tradizionale) o con la sonda impostata a 82°e la camera del forno a 95°  (per la cottura a sonda a bassa temperatura).





pronto per il forno








veramente bello e buono



Le ossa non sono state buttate ma sono diventate un ottimo brodo che con il fegato del coniglio, cotto con poca cipolla tritata, hanno condito il risotto che ho preparato oggi per Franco.



un risottino al coniglio


12 commenti:

  1. Ciao Marinora, come va? Il dito tutto bene?
    Quando è prevista la data dell'esame?
    Beh devo dire che sei stata bravissima io non sarei stata capace di levare nemmeno un ossicino!!
    Fantastico anche il tuo risottino!!
    Un bacione e in bocca al lupo
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carmen! Il dito va bene! Ancora quando sono in cucina mi metto un cerotto perchè se ci batto contro mi fa male! La data dell'esame è il 16 ottobre, si avvicina! Intanto crepi il lupo e grazie per i complimenti!

      Elimina
  2. ciao, ottima ricetta, passa da noi c'è un premio per te

    RispondiElimina
  3. Ciao Mari,
    sembra proprio invitante!
    Tempo fa avevo visto in tv una ricetta simile per preparare il coniglio disossato ripieno, ma poi l'ho riadattato alle mie capacità e agli ingredienti di cui disponevo :-p
    http://creativapergiocoeperpassione.blogspot.it/2012/06/dalla-palestra-polpettone-ripieno.html

    Buona giornata,
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara! Effettivamente era davvero buono! Io non avevo mai disossato ed avevo un sacro terrore. Ho dovuto vincere la mia paura e con santa pazienza sono riuscita ad ottenere un risultato accettabile. E se mi capiterà all'esame, non mi troverà impreparata! Un abbraccio!

      Elimina
  4. Ma che belle queste ricette dove non si spreca niente. Anch'io vorrei tanto che qualcuno mi insegnasse l'arte del disosso, anche perché il mio macellaio, giustamente, si fa pagare il tempo che impiega per prepararmi il pollame.
    In bocca al lupo per l'esame!

    RispondiElimina
  5. Oh carissima, secondo me bisogna osservare molto bene i movimenti e poi tanta tanta pratica. Infatti continuerò con il pollo e ogni volta che mi capiterà l'occasione, anche perchè una soddisfazione poterlo fare da se'.
    Ti ringrazio per l'in bocca al lupo e facciamo in modo che crepi!
    Un caro saluto!

    RispondiElimina
  6. Ottimo e originale.
    Buona domenica
    Mandi

    RispondiElimina
  7. Ciao Marinora!
    Io adoro il coniglio e tempo fa ho imparato pure a disossarlo. E che soddisfazione!
    Piacere di scoprire il tuo blog!
    Any

    RispondiElimina