giovedì 20 novembre 2014

Voglia di buono, di dolce. Di stare bene.

Ancora una volta ho fatto passare tanto tempo senza postare niente. Non sono sparita, andata in ferie o emigrata. O forse si.
Ho passato un mese e mezzo (e non è ancora finito) veramente tra Roma e il Valdarno, per un corso bello bello e molto interessante, il corso per Personal Chef.
Come, Personal Chef? Si perchè era tanto che avevo voglia di frequentare questo corso. Contro tutto, problemi fisici, bombe d'acqua a Roma, e tanta stanchezza. Ma di questo corso ne scriverò meglio dopo l'esame. Tra poco.

Ho avuto il piacere grandissimo di frequentare due corsi con la Lovely Cheffa Rita Monastero, meravigliosa e cara come sempre e ancora a breve ne frequenterò altri. Mi mancavano il suo abbraccio, il suo affetto, il suo calore e i suoi corsi. Troppo!

E allora ieri mi è venuta voglia di biscottare, dopo settimane di Valdarno/Roma e viceversa, nella mia cucina, in pace.

Una ricetta semplice, piena di buono e perdonatemi, ma io non rinascerò mai pasticcera, potevano riuscire più garbati, come direbbe la Lovely Cheffa!
E la marmellata, fantastica, di melone, della mia amica, la regina delle marmellate, Annarita Contu.


Occhi di bue bianchi di Rita Monastero - dal libro "Biscococcole"
















(20 pezzi ca.)

200 g farina 00
90 g zucchero semolato
100 g burro
2 tuorli
Limone
Sale

Per completare
Marmellata di albicocche o pesche.
Zucchero a velo

Disporre la farina a fontana sul piano di lavoro; inserire al centro lo zucchero, i tuorli e un po' di buccia di limone grattugiata e tutto intorno il burro morbido a fiocchetti e un pizzico di sale.
Lavorare velocemente,  avvolgere nella pellicola per alimenti la frolla così ottenuta e farla riposare in frigorifero per una quindicina di minuti.
Stendere la pasta all'altezza di 4 millimetri, ricavarne una trentina di dischetti e intagliare il centri della metà di essi con un piccolo tagliapasta tondo.
 Poggiarli su una placca coperta da carta forno e infornarli a 190' per 10 minuti ca., avendo cura che non si scuriscano.
Scaldare appena le marmellate e spalmare un velo di ciascuna di esse sui tondini interi - dalla parte piatta; spolverizzare con zucchero a velo la sommità di quelli intagliati al centro e accoppiarli.

Fateli subito e vi assicuro dolcezza e stare bene. Parola di prossima Personal Chef!!!

4 commenti:

  1. Grazie Nora cosi li preparo x la bignè che sono i suoi biscotti preferiti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara. Sono buonissimi e piaceranno alla Bignè e a tutta la famiglia! Un abbraccio@

      Elimina
  2. Cara Eleonora, questa tua deliziosa produzione pasticcina mi ispira proprio tanto e poi, eseguita da te su ricettazione di Rita Monastero .....come si fa a non apprezzarla.
    Sono lieta di sapere che stai continuando a costruire, un passo alla volta ciò che più desideri e sono convinta che molto presto questa tua abnegazione sarà premiata, te lo meriti perchè sei una gran bella persona.
    Grazie di questa splendida condivisione ed un abbraccio forte che riesca ad allieviare le difficoltà che affronti sempre con grande coraggio.
    Un bacione, Anna

    RispondiElimina
  3. Ciao Mari,
    questi biscotti sanno proprio di 'the delle cinque', seduti a un tavolino in giardino sotto il sole con le amiche.
    Complimenti per il tuo corso e per i prossimi che vuoi frequentare :-D
    Baci,
    Sara

    RispondiElimina