giovedì 6 marzo 2014

I frollini al parmigiano della Lovely Cheffa.

Rita Monastero, la Lovely Cheffa, il sole, il calore che ti stringe in un abbraccio non appena il suo sguardo incrocia il tuo. Le voglio un gran bene e dire che l'ammiro è veramente limitante; è così coinvolgente che ti fa amare quello che fa, tanto che non puoi assolutamente non provare anche tu e continuare....
È passato qualche anno da quando ci siamo conosciute, da allora ho continuato a dedicarmi alla cucina, poi da quando mi sono trasferita in Valdarno e ho smesso di lavorare, mi sono concentrata sulla mia passione, continuando il percorso iniziato a Roma, e l'ho sviluppata frequentando corsi, formandomi e informandomi più possibile, cercando di aggiornarmi perché la cucina è un mondo in continua evoluzione! 
Ma torniamo a Rita, capita che quando vado a Roma, magari per frequentare qualche lezione di cucina o per altre cose da fare, cerchi di incontrarla, tra i suoi mille impegni, anche solo per un caffè e una chiacchierata, o magari qualche spesa da Peroni, il paradiso di chi come noi ama la cucina!
E ogni volta c'è subito un sorriso, un abbraccio e... può anche piovere ma quando sei con lei splende il sole!

Questi sono i suoi Frollini al parmigiano, buoni da svenire, facili da fare, come le ciliegie, uno tira l'altro!



FROLLINI AL PARMIGIANO di Rita Monastero

La premessa è che sono così buoni, che uno tira l’altro, quindi finiscono presto presto; ma se ne avete fatti tanti o siete inappetenti e ve ne avanzano, conservateli ben chiusi in una scatola di latta. Allora, mi montate ben bene 250 g di burro con un cucchiaino di sale, uno di paprika dolce o piccante – fate come vi pare – ‘na bella mulinellata di pepe e 100 g di parmigiano grattugiato. E qui mi fermo subito, per precisare che il parmigiano deve essere ben stagionato e di prima scelta, altrimenti il frollino sa di plastica. Poi incorporate 2 uova, 70 g di farina di nocciole, 200 g di farina 0 e 50 di maizena; se il composto è troppo duro, aggiungete un altro uovo. Considerate che dovete inserirlo nella sac-à-poche e se è consistente non riuscite a spremerlo. Formate i frollini su una teglia imburrata e infornate a 180° per 10-15’. Cercate di non bruciarli, please, perché sennò sono orribili.








6 commenti:

  1. Gentile Marinora,
    è un vero piacere passare ogni tanto a trovarti, tu hai sempre qualcosa di positivo da condividere e non mi riferisco solo alle ricette ma, al tuo modo sempre garbato di porti agli altri. GRAZIE!
    Anche io come te adoro Rita Monastero, possiedo le sue pubblicazioni e da esse vi ho attinto sempre con successo. Sono meno fortunata di te solo per quanto riguarda i suoi Corsi che, qui a Prato e zone limitrofe, fino ad oggi non mi risulta si siano tenuti. Spero, un giorno, di avere la possibilità di conoscerla ed attingere dalla sua grande passione.
    Colgo altresì l'occasione per ringraziarti di aver condiviso con tutti noi le impeccabili ricette del Maestro Lavini, peraltro già testate con entusiasmo.
    Un saluto, a presto
    anna giordani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna, grazie delle bellissime parole, mi hanno fatto tanto piacere! In questi giorni sono stata a Roma e ho incontrato Rita Monastero, abbiamo parlato di organizzare un corso qui nei dintorni, per cui... sarai la prima ad esserne informata!!! Grazie ancora e a presto!

      Elimina
  2. Amici e amiche questi biscotti sono super buoni peccato che quando finisci ti chiedi sei stato tu a mangiarli??? Cerchi qualcosa ma non lo trovi e capisci cheeeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna carissima, erano buoni buoni vero???

      Elimina
  3. Sono buonissimi!!!!!! Mi farebbe molto piacere se passassi dal mio blog: http://golosedelizie.blogspot.it/ ti aspetto ^_^

    RispondiElimina