mercoledì 25 luglio 2012

Un dolce che sa di vacanza!

Vacanza... no, niente vacanza!!! Qualcuno mi potrebbe dire "Ma tu vivi nel posto più bello del mondo, un posto che ci invidiano tutti" e questo è verissimo, la Toscana e lo dico non perché sono di parte ma il Valdarno Superiore è stupendo! E dove stare meglio di qui???
Eppure ogni tanto la mia mente vola in Alto Adige, val Pusteria, Val Badia, i posti meravigliosi dove vado in vacanza quando vado in montagna, quando vado in vacanza.....
Amo moltissimo l'alto Adige, ho iniziato ad andarci con mia madre negli anni 70, poi ci andavo anche per seguire la mia squadra del cuore, la Roma (ero una tifosa accanita, ora la seguo in maniera molto ma molto più soft). Ho continuato ad andarci anche con Franco e nello stesso periodo veniva anche la mia amica del cuore Stefania con la sua famiglia. Ora sono due anni che non ci andiamo e mi manca.
Si, va bene, quando ero a Roma sentivo fortemente la necessità del verde e della pace, a forza di vedere palazzi e traffico, necessitavo assolutamente di un breack in montagna.
Ora qui il verde e la pace non mi mancano ma... ho voglia di Alto Adige!!!!

Ieri, per consolarmi ho preparato una torta, molto molto semplice e tipica di quelle zone, la mangiavo spesso quando andavamo da Emma e Emilio, nel rifugio Ütia de Börz al Passo delle Erbe.
Emma è una grandissima cuoca, le cose più buone le ho mangiate da lei. Dalla polenta con i funghi ai ravioli tipici con i ripieni di erbe, i funghi cucinati in tanti modi! E poi i dolci, ancora ricordo il suo strudel di mele!

La ricetta di questa torta buonissima ce l'ha data Emma stessa, si fa in un attimo con pochi ingredienti!


da Emma ed Emilio

Torta di grano saraceno di Emma
Burro gr. 250
Zucchero gr. 250
Nocciole tritate gr. 250
Farina di grano saraceno gr. 250
Uova 6
Montare i rossi delle uova con lo zucchero e il burro, unire la farina e le nocciole tritate. Aggiungere le chiare montate a neve morbida. In forno a 170 per 45 – 50 minuti.
Si può farcire con marmellata di frutti di bosco (io ribes rosso!).

ecco la torta


ho dovuto sacrificarmi e mangiare la fetta tagliata.....


una fetta?



Questo è un link che ho trovato sul ristorante di Emma ed Emilio.




due anni fa!

lunedì 23 luglio 2012

premio Red Carpet

Eccomi qua, ho ricevuto da Sara, la Creativa per gioco e per passione un premio, addirittura il premio Red Carpet! Mammamia che onore!!!

http://creativapergiocoeperpassione.blogspot.it/2012/07/un-altro-premio.html


Io non sono una di molte parole (dicono...) e poi su di me ho detto già tanto ma... qui ci sono delle domandine alle quali devo proprio rispondere!

Io ho avuto sempre la concezione del blog come di un posto mio con foto, ricette, quattro chiacchiere e qualche graditissimo commento. In pochi sanno che io ho un blog, non lo pubblicizzo, anzi... e qui esce fuori la parte timida nascosta ma non troppo, sono abbastanza schiva su questo argomento!
Ma adesso basta, voglio farmi conoscere un po' di più!

Risponderò alle 16 domande e poi passerò questo premio ad atri 15 blogger con meno di 200 sostenitori. Così ci conosciamo un po' meglio, no?


1) Qual è l'ultimo acquisto che hai fatto? Non ricordo, forse qualche attrezzo da cucina

2) Quale sarà il tuo "Must Have" per la primavera/estate? Maglie lunghe e leggins, abiti confortevoli

3) Unghie lunghe o corte? Corte altrimenti in cucina è un macello e poi non le ho mai avute lunghe!

4) Rossetto o gloss? Gloss o rossetti opachi

5) Stivali o sandali? Sandali in estate e stivali in inverno

6) Abbronzatura sì o no? Si, mi fa stare meglio

7) Profumo o acqua profumata? Dipende, in estate acqua agrumata e in inverno profumo

8) Hai già fatto i programmi per le vacanze estive? Niente vacanze, vivo nel posto più bello del mondo ma sogno mare e montagna

9) Occhi o labbra in primo piano? Occhi

10) Terra o blush? Poco di entrambi

11) Palestra o dolce far niente? Sono in fase dolce far niente

12) Shorts o mini? Shorts, oddio va be', ma per stare in giardino

13) Capelli lisci o ricci? Lisci con le vertigini che spettinano tutto

14) Il tuo colore per l'estate? Colori solari, adoro l'arancio

15) Giornata al mare o in montagna? Tutte e due potendo

16) Fondotinta d'estate si o no? D'inverno, ho la pelle sensibile al freddo 



Adesso a voi, passo il premo a:


Silvia del blog http://cucinaconciuba.blogspot.it/

Aurora del blog http://ricetteincortile.blogspot.it/

Stefania del blog  http://formineemattarello.blogspot.it/

Doris del blog  http://sweetcorner-doris.blogspot.it/

Stefania del blog  http://cremaepanna.blogspot.it/

Carmen del blog  http://chiacchiereincucina.blogspot.it/

Il blog http://dolcinboutique.blogspot.it/

Antonella del blog  http://tonispastries.blogspot.it/

Vita del blog  http://ledolcezzedivita.blogspot.it/

Violetflame del blog http://caramelliamo.blogspot.it/

Valentina del blog http://chiacchierandostuzzicando.blogspot.it/

Nora del blog http://tatanora.blogspot.it/

Anna del blog http://www.imanicarettidiannare.com/

Elena del blog http://lericettedelboscofatato.blogspot.it/

Sabrina del blog http://bricioledidelizie.blogspot.it/






 











domenica 15 luglio 2012

Vitello tonnato e una ritrovata serenità!

Serenità. Ecco la mia condizione in questo momento, sono serena e tanto basta! Ieri sera ho incontrato due dei miei cugini che non vedevo da tanto tempo, uno di loro, Franco con la sua deliziosa Paola e l'altro, suo fratello Nando che oramai risiede da tempo in Kenia.
Ho potuto anche rivedere dopo tantissimi anni la figlia di Nando con il suo Emiliano e il loro stupendo bimbo Flavio. Un bambolotto!!!
Siamo stati a cena a Lupinari anche con il mio amato zio Tonino, mia zia Maria Letizia e mia cugina Antonella con il marito Juan, una coppia bella, bellissima in tutti i sensi!
Bene, la cosa mi ha veramente reso felice e ci tenevo a dirlo, in fin dei conti ci sono momenti belli e bisogna parlarne, non si può dare risalto e parlare solamente dei momenti bui!

Prima di uscire per andare a cena avevo già preparato il pranzo di oggi, per lo meno avevo fatto la preparazione della carne lasciando quella della salsa ad oggi.
Ieri mattina avevo comprato alla macelleria della Coop di Bucine un pezzo adatto al vitello tonnato e mi era stato consigliato il "melino" che a Roma viene chiamato "pezza", una parte che devo dire ha fatto un'ottima riuscita nella preparazione, e che è preferibile fare la sera precedente.
E' la prima volta che seguo questa ricetta, tratta dal libro "La cucina di casa del Gambero Rosso" di Annalisa Barbagli, del quale ho un'enorme fiducia.
Prima di pranzare ho preparato la salsa e ho nappato le fettine, tagliate da Franco con l'affettatrice.

Per la ricetta vi rimando al sito del "Gambero Rosso", è spiegata benissimo ed è veramente di una riuscita sicura!

http://www.gamberorosso.it/index.php?option=com_k2&view=item&id=18:vitello-tonnato&Itemid=17





sabato 7 luglio 2012

Un'insalata e basta ma anche no e foto di gruppo di cucina.

Caldo, parecchio ma forse in questo momento lo subisco ancora di più. Mi sento stanca, scarica, sono arrivata al capolinea o quasi nella "storia infinita" riguardo la mia situazione lavorativa.
E sono stanca. Tante volte mi rendo conto di avere voglia di fare poco o niente e mi accorgo che faccio passare le mie giornate così, e questo non va bene, assolutamente.
Ho terminato (per ora) il mio corso di cucina e lo riprenderò in settembre, e da allora si procederà a grandi passi verso l'esame finale.

In cucina sono presente, magari con cose veloci, fresche e appetitose, primi piatti rapidi, insalate fresche e tanta frutta, ah, anche carne e pesce ma molto meno.

Questa è un'insalata, diciamo. Per la sua completezza di elementi la considero quasi un piatto unico magari abbinato a del formaggio fresco, magari ricotta o robiola, ma anche della feta anche se abbiamo i pomodori secchi già saporiti per conto loro.
La ricetta è di Valeria Vocaturo e fa parte dei miei appunti delle lezioni  dell'anno "scolastico" 2005-2006..... beh, è troppo buona, attuale, stuzzicante, da fare in pochissimo tempo e da mangiare con tanta voglia!



INSALATA DI FAGIOLINI CON LE MANDORLE di Valeria Vocaturo

1 kg fagiolini
10 pomodori secchi sottolio
2 cucchiai di mandorle tritate
Olio – sale (per lessare i fagiolini) – pepe – basilico

Lessare i fagiolini in abbondante acqua bollente salata. Quando sono cotti, 5 min. circa, si passano nell’acqua gelata per mantenere il verde.
Si tagliano i pomodori secchi sottolio a striscioline. Si tritano le mandorle a granella. In una ciotola si mettono i fagiolini, i pomodori secchi sottolio a striscioline, le mandorle tritate, olio, pepe e basilico








Approfitto di questo post per pubblicare la foto fatta nel dopocena di "metà corso di cucina", siamo davvero un bel gruppo, con tanta voglia di fare bene!